inps-logojpgdownloadjpg

logos1pnglogo-ciujpg

I servizi di Assistenza Domiciliare non Integrata (ADA) e di Assistenza Domiciliare Integrata all'Assistenza Socio-Sanitaria (ADI) sono rivolti ad utenti ultrasessantacinquenni che si trovino in condizione di ridotta o totale non autosufficienza i quali potranno presentare istanza finalizzata alla fruizione dei seguenti interventi domiciliari

- Assistenza Domiciliare Socio-Assistenziale Integrata all'Assistenza Socio-Sanitaria (A.D.I.);

- Assistenza Domiciliare Socio-Assistenziale (ADA);

II servizio ADI è rivolto ai cittadini ultrasessantacinquenni non autosuffìcienti, residenti nei Comuni del Distretto S.S.D6, per i quali l'Asp ha già attivato o sta attivando il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata a seguito di valutazione multidimensionale da parte della Commissione UVM del Distretto Sanitario, che, integrata dall'Assistente Sociale del Comune o del Distretto Socio sanitario D6 (U.V.I.) consente di erogare contestualmente prestazioni di natura socio-assistenziale oltre alle prestazioni sanitarie erogate dall'ASP. 1. Tali soggetti necessitano di assistenza continuativa, caratterizzata dalla presa in carico globale, attraverso un complesso di prestazioni socio assistenziali e sanitarie rese in forma integrata con l'erogazione settimanali di servizio di OSS e OSA. Le prestazioni riguardano: cura e igiene della persona, sistemazione alloggio, disbrigo pratiche, attraverso l'erogazione di voucher da spendere presso le ditte accreditate nel Distretto.

 

Il servizio ADA è rivolto ai cittadini ultrasessantacinquenni non autosufficienti, residenti nei Comuni del Distretto S.S. D6, senza adeguato supporto familiare, che non necessitano di prestazioni sanitarie domiciliari, ma che richiedono un supporto per lo svolgimento di alcune funzioni di vita quotidiana attraverso i servizi di OSS e OSA. Le prestazioni riguardano: cura e igiene della persona, sistemazione alloggio, disbrigo pratiche, attraverso l'erogazione di voucher da spendere presso le ditte accreditate nel Distretto. La valutazione sull'ammissibilità al servizio è a carico degli Assistenti Sociali territoriali, che predisporranno il P.A.I. che invieranno con tutta la documentazione al Comune Capofila gestore dei Fondi PAC. Per le prestazioni socio-assistenziali erogate dal Comune gli utenti inseriti in ADI e/o ADA, con reddito superiore al minimo, previsto dalla normativa vigente, comparteciperanno al costo del servizio socio assistenziale in rapporto alle proprie capacità economiche.  

I cittadini anziani, interessati al progetto, devono possedere i seguenti requisiti:

- Residenza in uno dei comuni del Distretto n. 6;

- Età non inferiore a 65 anni;

- Stato di ridotta o totale non autosufficienza certificata dal medico di Medicina Generale.


Gli interessati e/o i loro familiari potranno presentare istanza, in duplice copia, presso il PUA del Distretto Socio Sanitari di Ribera mediante l'apposito modello che potranno scaricare dai siti istituzionali dei Comuni appartenenti al Distretto Socio Sanitario D6.

 

Alla richiesta va allegata:

- Certificato del medico di medicina generale attestante la non autosufficienza permanente o temporanea;

- Attestazione ISEE — socio-sanitario ai sensi della normativa vigente;

- Fotocopia documento di riconoscimento in corso di validità.